Sito Ufficiale del Mensile di informazione del "Municipio Montesacro" Edito e Diretto da Roberto Borgheresi
La NASA ufficializza la nuova scoperta del pianeta gemello della Terra
23/07/2015 23:49:25

 



La NASA ha ufficializzato la presenza di Kepler 452b, un pianeta gemello della Terra che orbita intorno a un proprio sole e che potrebbe avere forme di vita. L'Agenzia spaziale americana in una conferenza stampa ha  rivelato che: " Gli astronomi sono sul punto di trovare qualcosa che le persone hanno sognato per migliaia di anni". Kepler, è stato definito il cugino più anziano del nostro Pianeta ed ha preso il nome dal telescopio di Keplero dal quale è stato osservato. A dare l'annuncio in un briefing con molti esperti nel campo spaziale è stato  John Grunsfeld, capo analista dei dati provenienti dal telescopio della NASA che ha affermato: "Gli anni su Kepler 452b sono della stessa lunghezza che qui sulla Terra ed ha trascorso miliardi di anni intorno la zona "abitabile" della sua stella. Il che significa che potrebbe aver ospitato vita sulla sua superficie ad un certo punto, o potrebbe ospitarla ora". Gli esperti hanno spiegato che il pianeta gemello della Terra ha un' età di 6 miliardi di anni, è più grande del 60%rispetto alla Terra e che un suo anno è di 385 giorni. Gli studi cercano di rilevare la massa e la composizione del Pianeta gemello della Terra, che ad oggi sembrerebbe roccioso. Ad oggi sono state rese pubbliche moltissime informazioni sul Pianeta Kepler, è stato localizzato nella zona Goldilocks ed è stato considerato il più piccolo, nelle dimensioni, in prossimità della zona abitabile, in orbita attorno a una stella di tipo G2. Con questa scoperta, il numero totale di pianeti simili alla Terra sale a 1.030. Numerosi sono stati i progressi raggiunti dall'agenzia governativa americana in merito alla ricerca di eventuali pianeti abitabili nella Via Lattea. Già nel 2009 con il telescopio "cacciatore di pianeti" sono stati trovati più di 4000 pianeti nelle cosiddette "zone abitabili"nella galassia. Alessandro Sozzetti, ricercatore dell'Inaf-Osservatorio astronomico di Torino ha fatto sapere: "Tra i candidati pianeti transitanti individuati dall'ultima analisi dei dati della missione, Kepler-452b non si trova solamente alla distanza giusta, ma è stato finalmente individuato attorno a una stella davvero vicina come caratteristiche al nostro Sole. In termini di somiglianza alla nostra Terra, Kepler 452b batte Kepler-22b, il primo gemello del nostro pianeta scoperto da Kepler quattro anni fa. La procedura di validazione dei dati Kepler sfortunatamente permette solo di verificare che l'oggetto non è un impostore(o falso positivo) e di determinare con precisione il raggio. Per comprendere esattamente quale sia la sua composizione, e finalmente stabilire se sia davvero un pianeta di tipo roccioso come la nostra Terra, è necessaria una misura della sua massa (che combinata con una misura del raggio dà accesso a una stima della densità dell'oggetto), che può avvenire solo indirettamente misurando le variazioni periodiche nel moto stellare indotte dal pianeta. Per Kepler 454b, l'ampiezza di tale moto è probabilmente dell'ordine di 10 cm/s, un ordine di grandezza inferiore allo stato dell'arte (1m/s) oggi raggiunto con strumenti quali HARPS-N sul Telescopio Nazionale Galileo. La misura effettiva della massa di Kepler 452b è quindi un obiettivo non semplice da realizzare, richiederà innovazioni tecnologiche per spingere la precisione delle misure ben oltre i limiti odierni.



 



Priscilla Darbisi




[ Torna a Scienza | Versione Stampabile]
Accedi/Registrati
Nome utente:

Password:


Hai perso la password?

Registrati ora!